Il resoconto delle gare di sabato dell’ International GT Open

Il resoconto delle gare di sabato dell’ International GT Open

12/10/2019 0 di Redazione

Prima giornata di gare per il weekend monzese del GT Open, con mattinata dedicata alle qualifiche e pomeriggio alla vera e propria bagarre in pista.

Per quanto riguarda l’ Euroformula Open, dopo che Linus Lundqvist ha conquistato a sorpresa la pole position, in gara ha perso subito terreno in partenza ritrovandosi nelle posizioni di rincalzo, mentre Cameron Das e Teppei Natori hanno preso subito il comando.

Il leader del campionato Marino Sato e già campione 2019 di categoria, partito nelle retrovie, é stato chiamato ad una vera e propria rimonta, che lo ha visto, giro dopo giro, sorpasso dopo sorpasso, recuperare in classifica fino al duello a sei finale con Das, Natori, Tsunoda, Lundqvist e Kjaergaard, dove a spuntarla è stato proprio Sato in un podio tutto nipponico con Natori secondo e Tsunoda terzo.

Nella GT Open Cup, la coppia Mauro-Tony su Lamborghini VSR ha conquistato la vittoria finale, mentre Leutwiler, autore della pole position, sulla sua porsche del team polacco ha conquistato l’alloro del trofeo AM.

Per quanto riguarda l’appuntamento clou del weekend, nella gara 1 del GT open, con ancora tutto aperto in campionato, il leader di classifica Albert Costa, insieme a Giacomo Altoè, è scattato dalla pole con la sua Lamborghini, mentre la coppia Kodric – Chaves, secondi in classifica, si sono dovuti accontentare della seconda posizione in griglia.

Alla partenza scatta subito bene Costa, che riesce fin dai primi giri ad allungare, mantenendo la leadership della gara fino al cambio pilota, quando, in seguito alle penalità e al regolamento, la Lamborghini del team Emil Frey, si ritrova in quinta posizione con davanti proprio la McLaren del Teo Martin, mentre Cipriani del Team Antonelli conquista la leadership della gara, che riuscirà a mantenere fino alla bandiera a scacchi, mentre Altoè arrivando davanti al suo della McLaren guadagna ulteriormente in classifica in attesa dell’ultima gara domenica.

Nella categoria Tcr Europe, in gara 1, Briché conquista la pole position e guadagna 5 punti sul capoclassifica Files, tenendo ancora aperti i giochi e in partenza riesce a mantenere la prima posizione, nonostante gli attacchi per tutta la durata della gara del francese Comte, mentre il leader di classifica Files rimane imbottigliato nel traffico e perde alcune posizioni, ma, a suon di giri veloci riesce a portarsi in terza posizione a un giro dal termine, riuscendo a laurearsi campione Tcr Europe 2019, con Briché che si deve accontentare di pole position e vittoria in gara 1.

Per quanto riguarda la Kia Platinum Cup, a trionfare nella prima gara è stato Nikodem Wiezbicki, dopo che il leader Borek, a lungo in testa, si è sportivamente suicidato all’ultimo giro, mentre in gara 2, a griglia invertita, si è ripetuto il duello Borek – Wierzbicki, con il primo che l’ha spuntata al fotofinish.

Ultima gara del sabato in programma è stata la Catheram Cup, nella quale ha visto trionfare, nella penombra visto il tardo orario, Frayssinet per soli 3 decimi di secondo su Bizet, al termine di una battaglia serratissima per tutti e 27 i minuti.