Intervista esclusiva a Francesco Pizzi

Intervista esclusiva a Francesco Pizzi

17/12/2019 0 di Redazione

Nell’ambito dei test Kateyama dedicate alle Formula, abbiamo incontrato Francesco Pizzi, al suo esordio assoluto su una monoposto e reduce dall’esperienza alla Ferrari Driver Academy Camp organizzata da ACI Sport.

MiP: Benvenuto a Monza Francesco, iniziamo dalla stagione appena terminata, com’è andata con i Kart?

FP: Il 2019 è stata una stagione di transizione in KZ nel corso della quale pensavo già al 2020 ed all’esordio in monoposto. Ci sono state gare dove siamo stati davanti, come in occasione dell’Italiano a Siena, ma è una categoria molto combattuta e ho pagato un po’ lo scotto di avere poca esperienza. La reputo comunque positiva in vista del mio primo anno in auto.

MiP: Hai appena preso parte alla FDA Camp di ACI Sport, che esperienza è stata?

FP: È stata un’esperienza molto formativa ed emozionante: la pista di Fiorano è storia e si respira un’aria diversa! Confrontarmi con altri piloti è estremamente importante per la mia crescita, mi fa capire a che livello sono e quali sono i punti dove devo lavorare di più. 

MiP: Com’è stato il passaggio da guidare un Kart a una Formula?

FP: Non è certamente facile: si porta più velocità in curva, il metodo di lavoro con il team è completamente diverso, si sta meno in macchina e quindi bisogna sfruttare al 110% ogni sessione. È un bel passo in avanti!

MiP: Prima volta a Monza, impressioni? Che ne pensi della pista? Quali difficoltà hai riscontrato?

FP: Il bagnato ha sicuramente giocato un ruolo cruciale, soprattutto quando si trattava di staccare forte alla fine dei lunghi rettilinei. La pista è bellissima, molto veloce e tecnica. Non vedo l’ora di affrontare la prima gara qui!

MiP: Dove ti vedi nel motorsport da qui a 10 anni? 

FP: Domanda molto difficile, spero di esser diventati già un pilota professionista.

MiP: A quale pilota presente o passato ti ispiri e perchè?

FP: Sono seguito da Gianmaria Bruni, è lui che mi sta crescendo professionalmente. Sono molto legato a lui come persona e come professionista. Rispetto al passato il mio idolo è Jim Clark: lui era impeccabile, sbagliava pochissimo!

MiP: Progetti per il 2020?

FP: Comincerò con alcune gare nella F.4 UAE a Dubai ed Abu Dhabi per preparare al meglio la stagione di F.4 Italia. L’obiettivo è il titolo Rookie.

MiP: Grazie mille per la disponibilità e un in bocca al lupo per la nuova stagione, non vediamo l’ora di vederti in pista qua a Monza!